Dicembre è iniziato e a breve ci aspettano tante feste! Sant’Ambrogio per Milano, poi l’Immacolata Concezione che è una delle più importanti festività della religione cattolica, l’8 dicembre. Ma da noi a Carpenedolo, proprio il 7 e 8 dicembre si festeggia la Sagra del Torrone! Perciò oggi parliamo di questo!

La storia del torrone (la parola, per come la conosciamo noi, comparve per la prima volta nel ‘500 in un’opera di Cristoforo di Messisbugo), è la più complessa e la più interessante tra tutti i dolci natalizi italiani. Se le radici lombarde del panettone sono incontestabili così come quelle veronesi del pandoro, il torrone ha un’origine a tratti oscura. Nell’Italia dei campanili, ogni zona evoca a sé la paternità di una tradizione dolciaria che, semplicemente, è un patrimonio storico e culturale comune.

Non è facile mettere ordine nella storia del torrone. Già la formula e la ricetta di questo dolce natalizio sono varie: bianco o al cioccolato, morbido o duro; ma il torrone ha principalmente 4 denominatori comuni: lo zucchero, il miele, le mandorle e l’albume d’uovo.

Abbiamo detto che esistono vari tipi di Torrone, ed ogni regione ha il suo. Ma ecco una selezione dei miei preferiti:



..e se proprio il Torrone non vi piace, noi per le feste vi consigliamo il Panettone tipico della Cologna Veneta! un panettone speciale Mandorlato della Pasticceria Filippi.

Ai tradizionali ingredienti, per questo speciale al mandorlato, sono stati aggiunti tanti pezzetti di mandorlato che, sciogliendosi durante la cottura, lasciano nel panettone tracce profumate di miele e morbide mandorle.



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento