Vinitaly è un appuntamento annuale non solo per noi operatori Italiani del settore ma anche per viticoltori esteri che vengono a scoprire le novità del Made in Italy, senza tralasciare gli appassionati del vino e del food, sempre alla ricerca di nuovi vini ed assaggi.

Tanti amici mi chiedono: Perché ogni anno vai al Vinitaly se conosci già il Vino?

La mia risposta è a dir poco scontata: per me il Vinitaly è la ricerca di novità, 4 giorni alla scoperta delle nuove annate dei prodotti che già ho selezionato e distribuisco, ma anche la scoperta di vini nuovi, capire nuovi metodi di lavorazione, partecipare ai Master con i migliori enologi d’Italia, ed è anche vero che rivedere colleghi confrontandoci è sempre costruttivo…

Nel lavoro come nella vita non si finisce mai di imparare!”

Quest’anno ho avuto l’onore di partecipare al Master con il Professore Luigi Moio, nonché titolare dell’Azienda Quintodecimo.

Chi è Luigi Moio? E ‘professore ordinario di Enologia all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Da più di vent’anni si occupa degli aspetti sensoriali, biochimici e tecnologici dell’aroma del vino. È autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali ed esperto scientifico per il Ministero delle Politiche Agricole. Dal 2015 è presidente della commissione di enologia dell’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV) con sede a Parigi. È accademico dei Georgofili e dell’Accademia italiana della vite e del vino.

La sua Filosofia: l’arte e la scienza del Vino: https://www.quintodecimo.it/arte-e-scienza-del-vino/

A Quintodecimo si producono 3 vini Rossi, tutti ottenuti dall’Aglianico, vitigno simbolo del territorio.

VIGNA QUINTODECIMO DOCG, VIGNA GRANDE CERZITO DOCG, TERRA D’ECLANO DOC

Le differenze tra loro sono i suoli della tenuta, costituiti da argille espandibili di colore chiaro e terreni vulcanici di colore scuro che danno vini profondi e raffinati, di straordinaria eleganza.

Si producano anche 3 Vini Bianchi, rispettivamente ottenuti dalla vinificazione in purezza delle tre principali varietà di uva bianca della Campania:

EXULTET FIANO DI AVELLINO DOCG, GIALLO D’ARLES GRECO DI TUFO DOCG, VIA DEL CAMPO IRPINIA FALANGHINA DOC.

Le uve provengono da tre singole vigne ubicate in tre zone diverse, dunque i vini bianchi di Quintodecimo sono tre Cru in monovitigno, molto influenzati dall’annata nell’espressione del loro carattere varietale.

Che dire un professore, un signore, un uomo con molta umiltà e passione, lui e la sua famiglia esprimono con estrema generosità tutto quello che sanno!

Grazie a voi, anche in questo Vinitaly 2019 ho alimentato il mio amore per il Vino!

Ma volete sapere come ho terminato il mio Vinitaly…

Con una cena perfetta al Ristorante XVI Secolo da Simone e Lia… 1 stella Michel, degustando

GIALLO D’ARLES GRECO DI TUFO DOCG 2015… Meglio di così, non si può!

Qui sotto troverete le foto dei loro piatti e vini!

P.S: I Vini di Quintodecimo saranno presto nelle Novità di Di-vinità

Grazie alla prossima puntata!