Siamo nel periodo il Carnevale, la festa super golosa delle maschere e dei costumi!

Il Carnevale porta con sé il divertimento ma anche un’infinità di dolci per la gioia dei bambini e non solo!

Le ricette tipiche di questo periodo dell’anno sono diverse e hanno in comune la bontà: Frittelle, Chiacchiere, Lattughe, Frappe, Fritole, Ciambelline, Castagnole, Crostoli, Cenci… ecc.

Come sappiamo, il dolce conclude il pasto e deve essere accompagnato da un vino perfettamente in sintonia: il vino dolce!

Negli anni Sessanta tuttavia lo Champagne Brut e gli Spumanti hanno sostituito il vino dolce nel ruolo di compagno fedele del dessert, ma negli ultimi anni, la cultura e le tecniche di affinamento più evolute, hanno portato a riscoprire il vino dolce valorizzandone le qualità e la versatilità.

Troviamo quindi i vini con un residuo zuccherino alto chiamati appunto “Dolci”, abbinati a piatti tradizionali e con un’entità da scoprire in base ai gusti personali, agli ingredienti del piatto e alle modalità di cottura dei piatti!

Ma che vino dolce scegliere?

“Il dolce … Chiama Dolce!” mai un secco!

Per i dolci di Carnevale, i dolci di frutta e i dolci al cucchiaio, affianchiamo le bollicine dolci, da uve Moscato, Bracchetto, Malvasia

Ai dolci secchi, crostate e biscotti, abbiniamo i vini dolci da vendemmia tardiva, passiti, muffati da uve autoctone delle varie regioni d’Italia.

Al classico cioccolato, abbiniamo dei vini dolci provenienti da uve a bacca rossa, da vendemmia tardiva, passiti o addirittura fortificati, ad esempio: il Recioto di Valpolicella, il Porto, lo Scherry



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *